Alla scoperta del territorio con “Noi, il bosco e il mare”

Vai ai contenuti

Alla scoperta del territorio con “Noi, il bosco e il mare”

RADIO INTERNAZIONALE COSTA SMERALDA
Pubblicato da Maria pintore in Territorio · 15 Luglio 2021
Un viaggio per andare alla scoperta della storia e dei tesori ambientali di Olbia e del suo meraviglioso golfo. L’associazione culturale Sas Janas, presieduta da Claudia Pirina, ha dato vita a un nuovo progetto didattico intitolato “Noi, il bosco e il mare”, finanziato dall’assessorato comunale alla Cultura e rivolto ai bambini di una età compresa tra i 3 e i 12 anni. Un nuovo percorso pensato e organizzato con lo scopo di far conoscere anche ai più piccoli le ricchezze della città, del suo mare e anche del suo fiume. La prima tappa, che si è svolta nei giorni scorsi, è stata intitolata “Il fiume incontra il mare”. I bambini hanno infatti navigato a bordo del battello dell’associazione Insula Felix e hanno visitato l’area della foce del Padrongianus, un luogo molto ricco dal punto di vista della biodiversità e nel quale vivono numerose specie animali, dal Martin Pescatore al Germano Reale, e dove crescono anche diverse specie vegetali, tra cui il Limoniastrum monopetalum, che rappresenta una rarità biogeografica. Nei giorni successivi è stato il momento del laboratorio “Mare e conchiglie”, basato sulla ricerca e sulla catalogazione delle conchiglie mediterranee, e di una seconda escursione in battello dal titolo “Vita da marinai”, con sosta in quello che è uno dei simboli della città di Olbia: il faro di Isola Bocca. Inoltre i bambini, insieme alla guida ambientale Gae Giulia Falchi, hanno preso parte a una attività di birdwatching, con l’obiettivo di osservare i comportamenti dei volatili che popolano il golfo olbiese. Un altro divertente incontro è stato infine organizzato presso le mura puniche di via Torino, nel centro città, dove l’archeologa Letizia Fraschini, oltre a illustrare la storia dell’antico monumento, ha svelato ai piccoli partecipanti i segreti del mestiere dell’archeologo. Presente per l’occasione anche l’assessora comunale alla Cultura Sabrina Serra, che ha espresso piena soddisfazione per il progetto didattico promossoda Sas Janas.



Torna ai contenuti